TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
Esproprionline.it - L'espropriazione per pubblica utilità.
URBIM - edilizia e urbanistica
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
direttore scientifico: dott. Gabriele Lami ANNO XI - ISSN 2037-6545
 
  Print Page


































Dall'esegesi dell'art. 5 della l. 84/1994 si evince che l'autorità portuale non detiene poteri specificamente pertinenti alla materia edilizia

L'art.5 della L. 84/1994 dispone al primo comma che “Nei porti ricompresi nelle circoscrizioni territoriali di cui all'articolo 6, comma 1, l'ambito e l'assetto complessivo dei porti costituenti il sistema, ivi comprese le aree destinate alla produzione industriale, all'attività cantieristica e alle infrastrutture stradali e ferroviarie, sono delimitati e disegnati dal piano regolatore di sistema portuale, che individua, altresì, le caratteristiche e la destinazione funzionale delle aree interessate”. Si tratta con tutta evidenza di una norma che attribuisce un potere esclusivamente pianificatorio all’A.P., funzionale all’attività produttiva dell’ente portuale, ma che non involge l’esercizio di poteri specificamente pertinenti alla materia edilizia.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 





























Powered by Next.it