TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
Esproprionline.it - L'espropriazione per pubblica utilità.
URBIM - edilizia e urbanistica
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
direttore scientifico: dott. Gabriele Lami ANNO X - ISSN 2037-6545
 
  Print Page
  • HOME
  • Notizie
  • Demanio e patrimonio
  • Demanio
  • L'INDIVIDUAZIONE DI UN'AREA PRIVATA COME AREA DI ATTESA AI FINI DEL RISCHIO SISMICO NON IMPLICA L’ESISTENZA DI UN DIRITTO DI USO PUBBLICO SULLA STESSA


































L'individuazione di un'area privata come area di attesa ai fini del rischio sismico non implica l’esistenza di un diritto di uso pubblico sulla stessa

La circostanza che un’aia antistante al fabbricato di proprietà privata sia stata individuata come area di attesa ai fini del rischio sismico non implica l’esistenza di un diritto di uso pubblico sulla stessa; le aree di attesa sono i luoghi di prima accoglienza delle popolazioni colpite da un terremoto; benché di regola esse siano individuate in luoghi di uso pubblico, ciò non significa certo che la individuazione di un’area come “area di attesa” le imprima un diritto di uso pubblico.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 





























Powered by Next.it