TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
Esproprionline.it - L'espropriazione per pubblica utilità.
URBIM - edilizia e urbanistica
CatastOnline - Aggiornamento e informazione tecnica in materia di catasto
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
direttore scientifico: dott. Gabriele Lami ANNO IX - ISSN 2037-6545
 
  Print Page


























Le norme locali che derogano al divieto di costruzione di opere in prossimità dei corsi d’acqua devono essere espressamente dedicate alla loro tutela e alla distanza delle costruzioni dagli argini

Alla luce del generale divieto di costruzione di opere in prossimità degli argini dei corsi d’acqua ex art. 96, primo comma, lett. f), del r.d. 25 luglio 1904, n. 523, il rinvio da quest'ultima disposto alla normativa locale assume carattere eccezionale: tale normativa, per prevalere su quella generale, dovrebbe avere carattere specifico, ossia essere espressamente dedicata alla tutela delle acque e alla distanza delle costruzioni dagli argini, nonché tener conto, in modo esplicito, della regola generale espressa dalla normativa statale e delle peculiari condizioni delle acque e degli argini prese in considerazione al fine di stabilire l’eventuale deroga.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 



























Powered by Next.it