TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
Esproprionline.it - L'espropriazione per pubblica utilità.
URBIM - edilizia e urbanistica
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
direttore scientifico: dott. Gabriele Lami ANNO X - ISSN 2037-6545
 
  Print Page


































Affrancazione invertita: l'uso civico è liquidato con l'assegnazione del bene all'ente collettivo dei fruitori versando un censo all'ex proprietario

Con l'istituto dell'affrancazione invertita, l'intero fondo o parte maggiore d'esso era da assegnare in proprietà all'Ente esponenziale della collettività interessata dietro versamento di canone annuo all'ex proprietario per così proseguire nel pregresso godimento dei terreni ritenuto indispensabile ai bisogni della collettività. In tal modo l'uso civico risulterà liquidato, non già, con l'assegnazione, siccome bene allodiale, al proprietario di porzione dell'originario bene gravato, bensì mediante l'assegnazione del bene in signoria all'Ente collettivo dei fruitori dietro corresponsione di censo all'ex proprietario.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 





























Powered by Next.it