NOTIZIARIO QUOTIDIANO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2037-6545 (ANNO XI) 
TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
Esproprionline.it - L'espropriazione per pubblica utilità.
URBIM - edilizia e urbanistica
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
direttore scientifico: dott. Gabriele Lami
 
  Print Page
  • HOME
  • Notizie di giurisprudenza
  • Beni culturali
  • AI FINI DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'ALIENAZIONE DI BENI CULTURALI, LA SOPRINTENDENZA DEVE VALUTARE LA SOLA COMPATIBILITA' DEL NUOVO USO CON IL CARATTERE STORICO-ARTISTICO DEL BENE
































Ai fini dell'autorizzazione all'alienazione di beni culturali, la soprintendenza deve valutare la sola compatibilita' del nuovo uso con il carattere storico-artistico del bene

L'autorizzazione ministeriale all'alienazione di beni appartenenti al demanio culturale non può essere rilasciata qualora la destinazione d'uso proposta sia suscettibile di arrecare pregiudizio alla conservazione e fruizione pubblica del bene o comunque risulti non compatibile con il carattere storico e artistico del bene medesimo. Invece, le vicende afferenti il rapporto privatistico che hanno portato la P.A. ad acquisire un bene culturale non possono influenzare il giudizio della Soprintendenza in merito all'autorizzazione all'alienazione del bene stesso, potendo semmai incidere sulla perfezione del precedente atto di trasferimento e sulla sua sopravvivenza, secondo i canoni civilistici della donazione e dell’alienazione.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 



























Powered by Next.it